Paola Agabiti all’incontro “GRAND (TOUR)ISMO ITALIA” Remind

All’incontro “GRAND (TOUR)ISMO ITALIA” Remind del 27 settembre 2021 è intervenuto il Vicepresidente della Regione Molise Paola Agabiti, che ha così dichiarato:

“Buonasera a tutti saluto i colleghi che sono intervenuti e che interverranno dopo di me e ringrazio gli organizzatori per questa interessante e meritoria occasione di confronto.
Turismo e sostenibilità rappresentano per l’Umbria la chiave di volta per uno sviluppo intelligente, di lungo periodo, anche del nostro territorio.
Sviluppare questi temi per noi significa valorizzare, valorizzare le nostre peculiarità, ma anche ogni singola realtà coinvolgendo tutte le filiere che impattano sui flussi pubblici. Mi riferisco in questo caso  al commercio, all’artigianato, allo sport, alla cultura, allo spettacolo, e molto altro. Possiamo dire che sviluppare e sostenere le potenzialità turistiche di un territorio equivale di fatto a sviluppare e sostenere l’intero assetto economico di quello stesso territorio.
Come regione Umbria stiamo portando avanti una riflessione che coinvolge tutti a partire dai principali operatori presenti sul territorio a livello locale e che nei prossimi mesi vorremmo ampliare coinvolgendo il più possibile il comparto turistico anche a livello nazionale. Ed è proprio il tema della sostenibilità su cui riteniamo sia obbligatorio rafforzare tutte quelle attività e aspetti territoriali che offrono servizi ai cittadini: dai cammini religiosi, ai sentiere escursionistici, dell’eno-gastronomia all’offerta turistica, degli spettacoli e servizi museali.
Sono tanti e strategici gli elementi che caratterizzano anche il cosiddetto turismo lento destinato ad essere ancor più significativo per quelle realtà che, come la regione Umbria, hanno un chiaro profilo di attrazione e di ospitalità. Elementi che impattano su tutta la popolazione ma che rappresentano anche un volano economico, un vero e proprio valore aggiunto, rispetto alla capacità produttiva ed economica di una comunità. A Queste attività poi vanno aggiunte anche le diverse opportunità del territorio, a partire da quei luoghi ancora considerati marginali o comunque fuori dai grandi flussi dei viaggiatori. E penso ai piccoli borghi, alle loro potenzialità ancora inespresse, ma anche alla presenza di tante attività culturali produttive che li rendono unici e diversi l’uno dall’altro. Rappresentano quindi l’identità stessa di questi territori. Anche siti naturalistici paesaggistici che rispondono perfettamente alle nuove esigenze poste dai turisti a partire dalla distanziamento naturale ma anche dalla possibilità di vivere esperienze a stretto contatto con l’ambiente. Gli attrattori culturali che sono frutto anche di millenarie stratificazioni artistiche e architettoniche rendono quindi in tutta l’Italia un unicum da scoprire e da approfondire. Penso nello specifico anche al tema della spiritualità che a livello turistico prende l’Umbria a partire proprio da “Francesco tra tradizione storia”. Per quanto riguarda poi i tanti obiettivi che vogliamo portare a termine nei prossimi mesi, oltre al completamento dell’approfondimento strategico di cui ho già parlato, avrà sicuramente nel turismo esperienziale un’attenzione particolare. Ci sono alcuni aspetti relativi poi alla progettualità che riteniamo fondamentali per cercare di perseguire al meglio e quindi valorizzare la nostra regione. Stiamo operando per consolidare il nostro posizionamento sia a livello Nazionale che Internazionale sia attraverso la prosecuzione delle campagne di promozione che ci hanno restituito tante soddisfazioni e riscontri, sia mediante l’attivazione di una compiuta e strategia di branding. Proseguiremo inoltre la politica di rafforzamento degli strumenti a sostegno degli operatori del settore. Come regione Umbria abbiamo avviato anche un’importante campagna attraverso bandi rivolti sia agli operatori economici: mi riferisco quindi tutte le strutture alberghiere ed extra-alberghiere con delle importanti risorse – quasi 25 milioni di euro – per la riqualificazione delle strutture stesse. Ci siamo attivati per dare la possibilità di un intervento immediato, forte, in modo da poter cercare di valorizzare al meglio le strutture ricettive perché rappresentano una caratteristica importante per la nostra regione. Rafforzeremo questa presenza attraverso le tante manifestazioni artistiche e culturali che comunque animano la nostra regione. E l’altro tema che mi sta particolarmente a cuore, quello anche del rafforzamento dell’offerta digitale che è rivolta a tutti i potenziali visitatori del nostro territorio. Mettere a sistema tutte quelle informazioni presenti a renderle intuitive fruibili in tempo reale sarà quindi una precondizione per sviluppare anche ulteriormente la nostra capacità di incoming. Ed è proprio sull’interazione di questi temi che ritengo che sia preziosa ogni utile anche informazione ed occasioni di confronto e di approfondimento, a partire dall’incontro odierno. Grazie e buon proseguimento a tutti.”
Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts