Marco Mari all’assemblea Re Mind “Buone e Cattive Pratiche nell’Immobiliare per la Cura del Creato”

All’assemblea Re Mind “Buone e Cattive Pratiche nell’Immobiliare per la Cura del Creato” é intervenuto Marco Mari (Consigliere Delegato per la sostenibilità e l’ambiente costruito Remind e Presidente GBC Italia) che ha così dichiarato:

“Qualche giorno fa era la giornata internazionale per la custodia del Creato, una ricorrenza che io reputo fondamentale, essendo pienamente in linea con l’assunto condiviso con Re Mind secondo cui bisogna dare vita a un ambiente costruito che metta al centro la persona.

Si pensa che l’ambiente costruito sia solamente legato alla tecnologia, ma in realtà è legato in primo luogo alle esigenze del cittadino e alle variabili culturali. Su quest’ultimo punto, è importante dire che il PNRR pone un focus proprio sul tema della cultura e, conseguentemente, anche sugli asset storico-immobiliari, sulla stessa rigenerazione edilizia del nostro territorio.

In questo senso, il tema del restauro, dell’Heritage, collegato a quello della sostenibilità, sta diventando una chiave di lettura eccezionale.

I 10 comandamenti verdi della <<Laudato Si’>> sono allora in questo contesto fondamentali perché umanizzano l’azione che dobbiamo portare avanti, e perché ci parlano di equilibrio con il creato e con l’ambiente, base imprescindibile da cui partire. A questo riguardo, mi preme dire che tutti i Paesi hanno gradito quest’approccio dell’“Heritage-Sustainability”, discusso durante il G20 ambiente, a testimonianza di un pensiero italiano che si presta a una grande internazionalizzazione.

Abbiamo quindi ora in generale l’opportunità di valorizzare il nostro immenso patrimonio, che, come tutti sappiamo, è ancora purtroppo troppo sotto valorizzato”.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts