Gianni Pietro Girotto all’incontro “GRAND (TOUR)ISMO ITALIA” Remind

All’incontro “GRAND (TOUR)ISMO ITALIA” Remind del 27 settembre 2021 è intervenuto il Presidente della Commissione Industria, Commercio e Turismo al Senato Gianni Pietro Girotto che ha così dichiarato:

“La Giornata Mondiale del Turismo si conferma una delle ricorrenze più attese a livello internazionale e la sua celebrazione, oltre a puntare i riflettori su un tema di estrema importanza per il nostro Paese, offre l’opportunità di elaborare alcune riflessioni sull’industria del turismo italiano, soprattutto alla luce di quanto stiamo vivendo e abbiamo vissuto nell’ultimo anno e mezzo di pandemia.
Certamente veniamo da un periodo non facile per il turismo, durante il quale l’intero comparto ha subito un duro colpo, con un azzeramento quasi totale di servizi e vendite. Fortunatamente ne stiamo venendo fuori, ma dobbiamo essere pronti a ripartire con nuove strategie, pensare a nuove forme di turismo. e soprattutto definire una strategia nazionale adeguata, capace di superare un quadro normativo confuso e disomogeneo che ha indebolito non poco il sistema. Solo una strategia nazionale coordinata di medio-lungo termine potrà valorizzare, al contempo, il brand Made in Italy e le singolarità del territorio, riscoprendo e promuovendo destinazioni meno conosciute, ma portatrici di una grande ricchezza culturale, artistica, paesaggistica e umana.
Diventerà strategico quindi puntare su un turismo diffuso, esperenziale, destagionalizzato e sostenibile come forma di attività che contribuisca sì al benessere economico e sociale, ma rispetti i luoghi, l’ambiente e le popolazioni, preservandoli ed evitandone il degrado e la distruzione. Oltre a incentivare la destagionalizzazione, agire in maniera sostenibile significa anche promuovere un turismo alternativo, esperienziale, esercitato per approfondire la conoscenza dei luoghi delle aree interne e le loro peculiari caratteristiche attrattive, anche attraverso una maggiore diffusione del turismo “da campeggio” che ora si è sviluppato con soluzioni di nuova generazione maggiormente ecosostenibili e piacevoli (glamping), nonché il rafforzamento dei “treni turistici” che coniugano la funzione di trasporto con un’esperienza di viaggio molto piacevole.
Sul piano dell’innovazione tecnologica del settore, è urgente attuare un imponente piano di digitalizzazione per essere competitivi con le altre realtà concorrenti e rendere facilmente accessibili per il viaggiatore le proposte turistiche del Paese. L’istituzione di un portale unico nel quale far confluire la domanda e l’offerta turistica sarebbe in questo senso una grande opportunità.
Un Tavolo permanente al Ministero del turismo con le Regioni e le Province autonome, inoltre, per condividere strategie, azioni e misure necessarie anche in ambito europeo e internazionale, garantirebbe un miglior coordinamento del processo di ripartenza e di rilancio del settore.
Per una nazione come l’Italia, tra i 10 Paesi più visitati al mondo e primo Paese al mondo per disponibilità di patrimonio artistico-culturale con ben 53 siti Unesco, l’industria del turismo è una leva centrale per lo sviluppo e la competitività dell’intero Paese, una leva che può dare una spinta determinante nel rilancio e nella crescita economica futura”.
Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts