Premio Internazionale Buone Pratiche a Barbareschi, Marcellino, Becchetti, Muccitelli, Suglia, Cotana, Pesole, Dibennardo

In data 17 maggio 2021 si è tenuto il “Premio Internazionale Buone Pratiche” indetto e organizzato da NewsReminder​​, in collaborazione col Parlamento Europeo – Ufficio Italia​. L’evento ha visto la premiazione, da parte di Paolo Crisafi e Carlo Corazza, promotori dell’iniziativa, con la moderazione di Alessandro Galimberti, presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia, di:

 

Luca Barbareschi, Direttore Artistico Teatro Eliseo, il quale ha così dichiarato:

“Ringrazio per questo importante riconoscimento Paolo Crisafi (Presidente di Remind e di NewsReminder), Carlo Corazza (Direttore Parlamento Europeo – Ufficio Italia) e tutta la giuria. Un premio, che ora come ora, mi dà ancor di più forza e passione per raccontare, assieme alla meravigliosa squadra di ELISEO entertainment, nuove storie sul nostro meraviglioso Paese.

In ebraico la parola crisi vuol dire opportunità. Ebbene, credo non ci sia niente di più attuale per descrivere questo momento difficile. Abbiamo infatti ora la grande opportunità di poter veramente scommettere sulla ricchezza culturale e spirituale del nostro Paese.

Sfruttiamo appieno i fondi europei del recovery plan e poniamo in risalto il nostro immenso patrimonio storico e culturale, tenendo sempre a mente che la nostra storia si fonda e si dovrà sempre fondare sulla valorizzazione delle differenze, per rendere l’Italia un laboratorio di idee e di innovazione nel mondo”.

 

Antonio Marcellino, Presidente Conservatorio di Musica Santa Cecilia in Roma che si è così espresso:

“Sono veramente fiero di ricevere questo importante premio e sono grato alla giuria e, in particolare modo, a Paolo Crisafi (Presidente di Remind e di NewsReminder) e a Carlo Corazza (Direttore Parlamento Europeo – Ufficio Italia). Anche se la pandemia ha bloccato, come in un fermo immagine, la progettualità e la spinta al rinnovamento, ci ha dato altre opportunità e ci ha aperto nuovi orizzonti grazie al fortunato connubio tra arte e tecnologia. Abbiamo lavorato incessantemente nella promozione culturale e nel rilancio delle attività artistiche attraverso nuove e moderne strategie di comunicazione, avendo sempre come obiettivo la valorizzazione delle competenze e la tutela della professionalità di ogni singolo lavoratore. Questo riconoscimento mi onora e mi conferma che la strada che ho intrapreso è quella giusta, quella delle “buone pratiche”;

 

Leonardo Becchetti, Prof. Ordinario Economia Politica Università Roma Tor Vergata che ha affermato:

“Ringrazio per questo importante riconoscimento Paolo Crisafi (Presidente di Remind e di NewsReminder), Carlo Corazza (Direttore Parlamento Europeo – Ufficio Italia) e tutta la giuria. In questi anni ho lavorato per promuovere l’economia civile che modifica profondamente l’approccio antropologico dell’economia tradizionale superando i riduzionismi nella visione della persona, dell’impresa e della misurazione del valore. La persona non è l’homo economicus la cui felicità cresce solo al crescere delle proprie dotazioni monetarie, ma è capace di reciprocità e fiducia e dunque in grado di risolvere dilemmi sociali generando superadditività (1+1=3). L’impesa supera la logica della mera massimizzazione del profitto ma diventa organizzazione generativa capace di creare valore economico e sociale socialmente ed ambientalmente sostenibile. Il valore verso cui tendere è una misura di ben-vivere a molte dimensioni che si ricollega alle esperienze del BES e degli SDGs e arriva a definire un concetto di generatività come criterio ispiratore dell’attività umana.

Nell’ottica dell’economia civile la trasformazione della società verso il progresso economico e sociale non avviene grazie all’azione di un leader taumaturgico ma in virtù del lavoro coordinato e connesso di “quattro mani” dove la terza della cittadinanza attiva e la quarta delle imprese responsabili sono decisive per complementare l’azione del mercato e delle istituzioni. Sotto la superficie del “pettegolezzo” politico la nostra società è viva ed attiva. Negli ultimi anni l’economia civile con la nascita di Next, i percorsi sul voto col portafoglio, il cammino delle Settimane Sociali e l’identificazione di 400 buone pratiche nel paese, le proposte di policy fatte proprie da politici ed amministratori ha contribuito in modo sensibile al cambiamento dal basso”;

 

Mario Suglia, Partner e General Manager di Inarea Identity Design, che si è così espresso:

“Innanzitutto, voglio esprimere sincero ringraziamento a Paolo Crisafi (Presidente di Remind e di NewsReminder) e a Carlo Corazza (Direttore del Parlamento Europeo – Ufficio Italia) per il Premio Buone Pratiche conferitomi.

Agire “buone pratiche” non è mai scontato, soprattutto in questo periodo in cui la confusione spesso offusca la speranza. È necessario avere ben saldi i propri valori e tenere viva, anzi alimentare continuamente, la visione: è questo che può concederci il lusso del sogno e di farci sperare in un futuro di luce.

Per le imprese questo è il periodo della “riconfigurazione”: hanno bisogno di ripensare la propria identità.

La domanda “perché” viene prima di ogni altra domanda (cosa, come, chi, …). Il “perché” è quel filo che tiene unite, in modo coerente, tutte le azioni dell’Uomo e delle imprese. Quell’agire che, oggi, più che mai, ha bisogno di colorarsi di bellezza, esattamente quella “bellezza che salverà il mondo”.

Sì, proprio come quell’ “idiota gentile” ci ha insegnato, abbandoniamoci alla bellezza, ricerchiamo il “perché”, l’identità, delle nostre imprese. Diamo all’identità dell’impresa rappresentazione in modo da generare relazioni “belle e gentili” con tutti gli stakeholder e i territori.

Come ho accennato nel mio breve intervento al convegno da Voi organizzato per il Natale di Roma, l’identity design, e il brand in particolare, ha un’enorme forza perché consente alle imprese, non tanto di distinguersi dalle altre, ma di creare relazioni autentiche con le varie comunità a cui si rivolge e, persino, con i loro competitor.

La bellezza salverà il mondo? Sicuramente sì! Ma anche <<la bellezza salverà le imprese>>!”;

 

Ingrid Muccitelli, Conduttrice Televisiva e Giornalista che ha affermato:

“Ringrazio Paolo Crisafi (Presidente NewsReminder) e Carlo Corazza (Responsabile Parlamento Europeo – Ufficio Italia) per la bella iniziativa e per avermi voluto dare un premio che mi riempie di orgoglio,  anche perché è un riconoscimento alle “ Buone Pratiche” tanto importanti nel periodo difficile che stiamo tutti vivendo. La pandemia ha rappresentato, anche e soprattutto,  una sfida per quei settori della nostra società che vivono di un confronto diretto con la gente, con il pubblico. Lo spettacolo, la comunicazione televisiva, ne sono un esempio particolare. Ma sono anche un esempio di come si può riprendere, di come si può reagire. La Rai, secondo me, ha fatto tanto per gli italiani nel periodo di lockdown. Noi di Linea Verde abbiamo continuato a girare l’Italia anche nei momenti più difficili mostrando ad un pubblico di milioni di persone l’Italia  dell’agricoltura, dell’artigianato, dell’enogastronomia che ha tenuto e tiene duro e che ha dato a noi del programma una grande spinta ad andare avanti e continuare sempre meglio.”;

 

Dino Pesole, Editorialista de’ “Il Sole 24 Ore” e musicista, che ha così dichiarato:

“Ringrazio Paolo Crisafi (Presidente NewsReminder) e Carlo Corazza (Responsabile Parlamento Europeo – Ufficio Italia) per questo prestigioso riconoscimento. Per quanto riguarda la situazione attuale posso dire che il mondo dell’informazione è alle prese con grandi e profonde trasformazioni. E’ l’effetto delle nuove tecnologie digitali, dell’irrompere sulla scena di strumenti di comunicazione che viaggiano sul Web a ritmo incessante, ma anche delle trasformazioni che hanno investito il mondo dell’editoria negli ultimi anni. Continuo a ritenere che un’informazione seria, di qualità sia più che mai fondamentale.

Lo richiede l’opinione pubblica, spesso disorientata di fronte a fenomeni complessi (dall’aumento esponenziale delle disuguaglianze indotto da una globalizzazione mal governata a un evento imprevedibile e drammatico come la pandemia), lo impone la portata delle sfide che siamo chiamati ad affrontare. L’informazione è uno dei pilastri su cui si reggono le moderne democrazie, non a caso scolpita nella nostra Costituzione come uno degli assi portanti da preservare contrastando in tal modo il dilagare delle false notizie diffuse in rete, le posizioni preconcette che non si alimentano dell’esercizio proficuo dell’analisi e della critica costruttiva. Sono per questo molto lieto del riconoscimento che mi viene attribuito, che interpreto proprio come un omaggio alla serietà e professionalità che deve accompagnare qualsiasi percorso professionale, e che nel mondo dell’informazione appare sempre più come un prerequisito da cui non si può prescindere”;

 

Ugo Dibennardo, Amministratore Delegato Concessioni Autostradali Venete S.p.A., che ha giustificato:

“Ringrazio il Parlamento Europeo, Ufficio Italia e NewsReminder.  Quello che mi viene attribuito è un prestigioso riconoscimento che vivo con gioia, onore e, non posso nasconderlo, con senso di responsabilità. Ricevere un premio internazionale per le buone pratiche infrastrutturali, realizzate nel corso di questo lunghissimo periodo emergenziale, significa che non abbiamo sprecato questa crisi, che possiamo e dobbiamo fare ancora meglio puntando a ricostruire l’Italia delle eccellenze che superi il semplicistico criterio “costi/benefici” per inserire il riconoscimento del VALORE anche nelle opere infrastrutturali.

“Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme è un progresso, lavorare insieme è un successo”. Fu uno dei padri dell’automotive, Henry Ford, a formulare questa felice intuizione, diventata poi celebre per identificare il fine e l’efficacia della collaborazione ad ogni livello. La squadra, il concorrere di idee, ingegno, manualità̀ da parte di più soggetti verso un unico obiettivo è la strategia vincente per raggiungere risultati concreti e di spessore. Questo in ogni ambito: nella famiglia, nel lavoro, nella politica, nell’impresa.

E’ un concetto semplice, che spiega bene come l’unione di intenti, spesso necessaria in origine, in realtà̀ non basti allo scopo: c’è bisogno di crescere, progredire insieme, costruendo ogni giorno quel rapporto reciproco di fiducia e collaborazione che è indispensabile per raggiungere risultati. Lavorando insomma, seppur in campi diversi e portando ognuno quel valore aggiunto dato dalla propria personalità, per uno scopo comune.

In Concessioni Autostradali Venete abbiamo realizzato un sistema infrastrutturale integrato, flessibile ed interdipendente. Il nostro metodo è riuscito a mettere al servizio della sicurezza e della mobilità l’innovazione tecnologica, la sostenibilità, la digitalizzazione e l’integrazione dei dati, tutti fattori divenuti determinanti nel corso dell’imprevedibile emergenza pandemica. Abbiamo ampliato il nostro raggio d’azione focalizzandoci, oltre che sui maxi e mega lotti, anche sulle potenzialità di centinaia di microcantieri, avveniristici microcircuiti in cui poter inserire le innovazioni tecnologiche a servizio della sicurezza.

Investire e gestire le infrastrutture per noi ha significato questo, riuscire a coniugare il bisogno dell’oggi con gli scenari prospettici del domani.

Ne “I Cosacchi” di Lev Tolstoj c’è un passo che spesso richiamo alla mente “Come sempre suole accadere in un lungo viaggio alle prime due o tre stazioni l’immaginazione resta ferma nel luogo da dove sei partito e poi d’un tratto, col primo mattino incontrato per via, si volge verso la meta del viaggio e ormai costruisce là i castelli dell’avvenire”. Il tempo è sin troppo maturo per lasciare definitivamente e rapidamente la stazione di Tolstoj. Troviamo il modo migliore, ognuno nel proprio settore di competenza, per recuperare la fiducia delle nuove generazioni, dando prova che siamo pronti a costruire un Paese generosamente consapevole delle istanze del futuro”;

 

Franco Cotana, Coordinatore D.I. Ricerca Energia Sviluppo Sostenibile UNIPG, che ha constatato:

“Implementiamo le tecnologie green nel campo dell’edilizia

Sono lusingato e commosso nel ricevere il prestigioso premio internazionale sulle buone pratiche,  promosso dal Parlamento Europeo e da NewsReminder. Ringrazio Carlo Corazza, direttore dell’ufficio per l’Italia del Parlamento Europeo  e  Paolo Crisafi presidente di Remind  che, attraverso questo  premio internazionale,  promuovono iniziative concrete di eccellenza utili alla ripresa economica sostenibile nel contesto delle sinergie  tra gli stati membri dell’UE.

Il dramma della pandemia da COVID 19 che ci ha costretti nelle nostre abitazioni per tutto il 2020 e che purtroppo ancora non si è definitivamente concluso, ci ha fatto capire l’importanza dello spazio abitato,  di ambienti salubri e gradevoli dove sia possibile vivere e  lavorare, studiare o incontrare e discutere  il resto del mondo.  Nel nostro Paese, ricco di edifici storici, il progetto di recupero delle ex scuderie della Rocca benedettina di S. Apollinare che ho personalmente coordinato, costituisce un esempio di come si possa coniugare il recupero e il consolidamento antisismico con l’efficienza energetica, la sostenibilità, la tutela dell’Ambiente e l’economia circolare.

Per la prima volta al mondo il protocollo energetico ambientale GBC HB (Green Building Council – Historic Building) è stato applicato nel progetto di recupero di un edificio storico, oltre trenta imprese e operatori sono stati coinvolti in una complessa iniziativa che è durata oltre 3 anni ma i cui risultati sono stati: la placca GBC livello ORO e l’implementazione di numerose tecnologie green nel campo dell’edilizia visitabili per studenti e professionisti. L’edifico antisismico e a consumo energetico trascurabile è oggi adibito dall’Università di Perugia-CRB a uffici, laboratori di ricerca e scuola di buone pratiche per ingegneri, architetti e dottorandi del  dottorato di ricerca  internazionale in Energia e Sviluppo Sostenibile,  fa parte di un vero e proprio villaggio della sostenibilità e dell’economia circolare della Rocca Benedettina nel comune di Marsciano (PG)”.

 

In conclusione dell’evento è intervenuto Paolo Crisafi (Presidente di Remind e Comitato Editoriale NewsReminder) che ha così dichiarato:

“Oggi è per me una giornata speciale. Ho mia madre al pronto soccorso e sta combattendo tra la vita e la morte, il fine ultimo di questo percorso terreno. Sono ugualmente qui a conferire il Premio Internazionale Buone Pratiche perché Lei avrebbe voluto così e perché è importante ancor di più in questi momenti dare voce alle Buone Pratiche che illuminano in periodi bui come quelli che stiamo vivendo. Complimenti ai Campioni di oggi Luca Barbareschi, Antonio Marcellino, Leonardo Becchetti, Mario Suglia, Ingrid Muccitelli, Dino Pesole, Ugo Dibennardo e Franco Cotana!”

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts