Alessandro D’Alatri, Premio Internazionale Buone Pratiche

“Ringrazio NewsReminder e il Parlamento Europeo Ufficio Italia per questo attestato di stima che mi onora molto. Il cinema è stata la mia vita, io l’ho scoperto da bambino nella parrocchia dell’oratorio, sto parlando di un’epoca in cui neanche le televisioni stavano in casa, le vedevamo dalla vicina o al bar con la famiglia. Il cinema è stato quella finestra sul mondo, quella finestra meravigliosa sulla fantasia, è stato quel momento di grande evasione ma anche di grande crescita nel vedere i capolavori che venivano da tutto il mondo. I miei giochi da bambino sono stati influenzati dal cinema, i western, i film storici, la commedia, tutta la storia del cinema italiano che è una storia meravigliosa, a cominciare dal neorealismo per arrivare fino poi alla commedia e al cinema autoriale contemporaneo.
Quindi questo momento, per vedere il bicchiere mezzo pieno, rappresenta un momento di grande lavoro per tutti gli uomini di buona volontà. La società dovrà ricostruirsi per una più rapida rinascita, e questa potrebbe essere l’occasione per riscrivere una nuova pagina della nostra storia, della nostra civiltà, che è nuova perchè è globale. Siamo diventati un’unica coscienza collettiva, e su questo secondo me ci sono i presupposti per stabilire quel patto di fratellanza non soltanto tra esseri umani, ma anche con la natura, con gli animali, con tutto ciò che ci circonda, con l’universo, con il cosmo. Ristabilire un equilibrio che va ridisegnato completamente. Il cinema ha una grande occasione, come tutta l’arte, per farsi protagonista e interprete di questo nuovo percorso”.

Alessandro D’Alatri, regista e sceneggiatore

Total
240
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts