Adolfo Urso (Presidente del Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica) all’Assemblea pubblica Re Mind Campioni d’Italia

ADOLFO URSO

All’Assemblea Pubblica Re Mind “Campioni d’Italia – Le Buone Pratiche Pubbliche e Private per il Rilancio del Paese”, promossa dal presidente di Re Mind Paolo Crisafi, è intervenuto Adolfo Urso (Presidente del Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica) che ha così dichiarato:

“Ringrazio Re Mind e il suo presidente Paolo Crisafi per l’invito a quest’importante occasione di confronto.

La sicurezza nazionale affronta oggi tematiche precedentemente escluse da questo ambito. Pensiamo alla stessa pandemia, e alla necessità di controlli della filiera sanitaria, al bisogno di tutelare la salute dei nostri cittadini. Ecco, tutto ciò rientra anche nel campo della sicurezza nazionale, di cui sicuramente un altro filone fondamentale è quello che ha a che fare con la resilienza cibernetica e il contrasto ad attacchi di cybersecurity.

Nelle prossime settimane inizieremo inoltre attività che concernono il settore energetico, a testimonianza di come sempre più tematiche si intersecano e si interconnettono con la sicurezza nazionale e con i suoi sotto-ambiti, quali ad esempio controspionaggio e la tutela dell’ordine pubblico.

Il Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica ha sempre agito in questo contesto di comune intento, approvando i vari documenti all’unanimità, nella convinzione che chi rappresenta il Parlamento debba agire non secondo spiriti di parte, ma per il bene dei cittadini e delle sue istituzioni. La nostra attività è quindi un’attività di controllo e di garanzia e che è diretta espressione del Parlamento stesso.

Per quanto riguardo invece la situazione pandemica attuale, il mio auspicio è che il Paese prosegua nel costruire i vari strumenti che permettano di riprendere a crescere secondo le indicazioni concordate in sede europea, nel campo per esempio dell’economia digitale e di quella verde. L’Italia, in questi contesti, ha dimostrato di avere imprese che possono essere non solo campioni italiani, ma anche europei, e ha dimostrato di poter avere una capacità di competere a livello globale.

Tanto l’economia digitale, quanto quella che ruota attorno alle energie sostenibili, innerva di sé ogni aspetto della vita del cittadino. Ed è in questi due ambiti, pertanto, che possiamo e dobbiamo dare molto di più, anche sfruttando la posizione strategica che ci caratterizza come Paese, al centro del Mediterraneo, dei suoi scambi e dei suoi commerci”.

Total
126
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts