Fabrizio Cola all’assemblea Re Mind “Buone e Cattive Pratiche nell’Immobiliare per la Cura del Creato”

All’assemblea Re Mind “Buone e Cattive Pratiche nell’Immobiliare per la Cura del Creato” é intervenuto Fabrizio Cola (Direttore Area Sisma e Altre Calamità Naturali di Re Mind), che ha così dichiarato:

“La sicurezza fa parte delle linee prioritarie che ogni città, ogni comune, deve seguire, anzi è una delle più importanti. A tal proposito appunto possiamo riprendere l’episodio di Milano, come molti altri purtroppo: l’incendio infatti ha messo sulla strada 70 famiglie milanesi che fortunatamente non hanno perso la vita ma hanno perso veramente tutto.
Se vogliamo veramente migliorare le nostre condizioni di vita, applicando al meglio i Dieci Comandamenti, ma anche il buon senso civico del vivere, è necessario che le nostre istituzioni dimostrino resilienza non solo nel senso di resistere al pericolo ma anche di sapere gestire la pubblica amministrazione e la vita comune.
Dobbiamo fare in modo che tutti, chi fa le norme, chi costruisce, debba avere un nuovo modo di pensare, di rendere le cose sicure, compatibili, salubri, tutta una serie di principi che forse sono stati un po’ trascurati a vantaggio magari del ‘bene superfluo’.
Una persona spende un milione di euro per comprarsi un appartamento e arredarlo e con 1000 euro in più potrebbe mettere in sicurezza sia il grattacielo sia il singolo appartamento.
Lo stesso discorso vale per gli incendi boschivi di questa estate che hanno interessato Sicilia, Sardegna e la Pineta Dannunziana di Pescara, sono stati gestiti da persone incompetenti perché erano assolutamente evitabili, non c’è stata alcuna causa naturale, ma il dolo, e quest’ultimo si può prevenire attraverso degli strumenti moderni che ci sono a disposizione.

Noi dobbiamo dedicarci proprio a questo, cosa che stiamo portando avanti con Paolo Crisafi anche grazie a questi incontri, scambi sempre proficui e indispensabili occasioni di confronto. Personalmente poi sto preparando un’iniziativa pubblica che si svolgerà nei prossimi mesi proprio avente come focus il tema della resilienza e della sicurezza, per quanto riguarda l’antincendio ma più in generale per quanto riguarda i condomini e l’abitare. Tutto questo perché non possiamo permetterci che continuino a verificarsi eventi come quello di Milano o altre cose minori che sono accadute recentemente: le città, i luoghi dell’abitare devono essere in grado di provvedere nel modo migliore alla sicurezza della persona, mettendo fine in questo modo anche alla distruzione di un patrimonio comune inestimabile”.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts