Sabrina Alfonsi al Simposio Buone Pratiche del 6/12/2021 con Paolo Crisafi

Questa delega molto impegnativa che mi è stata data dal Sindaco Gualtieri è una delega che io spero al più presto, appena superata l’emergenza della parte rifiuti, possa parlare a tutto tondo. In realtà per l’idea di costruire una città sostenibile, vivibile, più a dimensione dei cittadini. Sicuramente deve poter creare condizioni ambientali ottimala. Quindi il fatto di creare una nuova economia circolare, un nuovo ciclo dei rifiuti basato prima di tutto sul riuso e sul riciclo e poi sullo smaltimento dei rifiuti attraverso moderni impianti che faremo all’interno della nostra città. Tutto questo in sintonia con un grande investimento sull’ambiente, sui parchi; un grande intervento di riforestazione urbana utilizzando i fondi che metterò a disposizione il PNRR dove sono previsti 1 milione di alberi per la nostra città.

Così come il grande tema dell’agricoltura. Si è parlato in questi anni, in quasi tutti i convegni, del fatto che Roma è la Capitale agricola più grande d’Europa ma poi di fatto lo svolgimento di questo tema non è mai veramente avvenuto. Invece io penso che soprattutto nel dopo-covid, comunque in una città che ha scelto smettere consumare suolo e che però nel frattempo si è sviluppata in tanti km quadrati con poco densamente abitati e sfruttati, l’agricoltura può essere quel grande filo che attraversa la città e che diventa una delle vocazioni insieme ovviamente a quello dei beni culturali. Noi abbiamo sicuramente anche dei beni ambientali della stessa rilevanza.

Diciamo che l’assessorato guarda a questa città che costruisce il suo futuro su altri pilastri e non su questi a cui siamo sempre stati abituati a pensarla. È chiaro che è un assessorato impegnativo e che i risultati si vedono in tempi lontani. Tuttavia noi pensiamo che se già iniziamo a curare tutti gli spazi verdi, il quartiere, anche attraverso la messa in campo di un decentramento assegnando terre per l’agricoltura, terre agricole che sono del comune e che non sono utilizzato.

Se potenziamo anche le possibilità delle nostre aziende agricole ma soprattutto che creiamo un marchio Roma. Io penso che noi stiamo costruendo in questo mandato, con la possibilità delle risorse che ci sono, una città che si può veramente dichiarare sostenibile. La collaborazione con Remind Filiera Immobiliare va verso la volontà di ascolto e confronto di Roma Capitale e terremo in considerazione i 10 Comandamenti Verdi come declinati dagli esperti per valutare possibili soluzioni alle tematiche che affliggono la nostra città

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts