Dario Focarelli: “Assicurazioni e filiera immobiliare insieme contro la crisi”

Dario Focarelli

il Direttore Generale di Ania Dario Focarelli si è soffermato sull’importante tematica del ruolo che il sistema assicurativo italiano può e deve ricoprire in questa situazione di profonda crisi.

In occasione del suo intervento al think tank del 24 settembre promosso da Re Mind, il Direttore Generale di Ania Dario Focarelli si è soffermato sull’importante tematica del ruolo che il sistema assicurativo italiano può e deve ricoprire in questa situazione di profonda crisi.
In particolare, alla richiesta di delucidazione da parte dell’intervistatrice sulle sinergie in corso tra assicurazioni e filiera immobiliare, e sui possibili interventi che le assicurazioni possono condurre in merito alla messa in sicurezza delle persone, delle città e dei territori, il Direttore Focarelli ha evidenziato la grande attualità del tema in questione, e l’importanza di uno sforzo comune sia da parte del mercato immobiliare che da parte del sistema assicurativo.
Specificatamente, secondo le parole dello stesso Focarelli “siamo consci che determinate iniziative, quali segnatamente quelle di “Ecobonus” e “Sismabonus” sono iniziative positive che possono dare una forte spinta nel processo di accelerazione del recupero del nostro paese”.
In quest’ottica, il direttore ha quindi affermato come molte società assicurative abbiano già annunciato interventi diretti a favore degli operatori, al fine di facilitare, attraverso i bonus sopra citati, una ripresa del mercato immobiliare e in generale dell’indotto.
Focarelli ha inoltre dichiarato la necessità di una decisa accelerazione nei tempi di realizzazione di questi interventi, affinché essi possano risultare, quanto prima, un importante imput nel percorso di risanamento economico del nostro paese.
Esprimendo poi l’esigenza di trovare un utilizzo immediato per i fondi del Recovery Fund, al fine di incrementare la resilienza del paese e proteggere le persone, anche in tema di immobiliare, il Direttore Generale di Ania ha voluto esporre alcune importanti proposte. Nello specifico, Focarelli si è dichiarato convinto che, “oltre alla proroga delle misure già esistenti, possa servire integrarle con dei meccanismi di aumento della protezione dei cittadini e delle famiglie”.
E, in relazione a questo, il Direttore ha affermato l’impegno di Ania nel progettare uno schema assicurativo, di natura pubblica e privata, che possa garantire ai cittadini un immediato supporto in caso di catastrofi naturali, per arrivare a proteggere, in un futuro non lontano, perfino dalle pandemie.
Al riguardo, Focarelli ha constatato la naturale complessità del tema, ma ha anche ribadito lo sforzo della compagnia teso in questa direzione.
In conclusione, secondo le parole dello stesso Direttore, “vi è la convinzione che un utilizzoadeguato del Recovery Fund, che vada a tutela del patrimonio abitativo delle persone e della messa in sicurezza del territorio, e che più in generale dia certezze per il futuro ai cittadini e agli operatorisia una cosa molto importante che potrebbe avere un effetto decisivo nel lungo periodo.”

Total
1
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts