Silvia Paparella: “Rigenerare l’ambiente costruito al fine di massimizzare la capacità di resilienza, sostenibilità e salubrità”

Al Think Tank dello scorso 24 settembre, promosso da Re Mind Filiera Immobiliare, è intervenuta Silvia Paparella (direttore REMTECH EXPO) che ha parlato della sua esperienza lavorativa e dei progetti che RemTech ha portato avanti in questo momento particolarmente difficile, con un focus sulla rigenerazione urbana al fine di massimizzare la capacità di resilienza, sostenibilità e salubrità.

“RemTech è, prima di ogni altra cosa, una comunità straordinaria, tecnica, tecnologica, scientifica, che lavora e opera ogni giorno nell’ambito della tutela e dello sviluppo sostenibile dei territori e lo fa attraverso la costruzione di percorsi e di tavoli di confronto permanenti pubblico/privati, nell’ambito di un dibattito davvero ampio e profondamente inclusivo e premiale.

Quest’anno RemTech ha generato, attraverso il grado di innovazione portato all’interno della manifestazione, una vera e propria abb dell’innovazione, della sostenibiltà, capace di valorizzare le buone pratiche, i brevetti, le tecnologie, ma anche di disseminare conoscenza e sapere. Quest’anno infatti RemTech è diventata anche una piattaforma digitale, una nuova, nuovissima, innovativa piattaforma che rimane in questo momento unica al mondo attraverso la quale siamo riusciti e siamo stati in grado di generare continuità ai messaggi portati. Remtech ha proposto uno strumento digitale per poter coinvolgere ulteriormente leader e competenze nazionali ed internazionali all’interno della quale poter discutere insieme proprio del futuro e delle azioni concrete che devono essere messe in atto.

La direzione emersa in maniera davvero molto chiara, è quella di un futuro che veda la persona al centro, al centro ma in equilibrio con l’ambiente circostante e con il pianeta. L’obiettivo emerso è poi quello di rigenerare l’ambiente costruito al fine di massimizzare la capacità di resilienza, sostenibilità e salubrità. Questa è a nostro avviso la vera stella polare che deve guidare il nostro operato, e in tale direzione, è opportuno riattivare lo sviluppo proprio dell’immobiliare e della relativa filiera, nonché attivare quella economia sana per mantenere sane le persone per le quali gli asset immobiliari sono generati e costruiti.

L’Europa con il Green New Deal sta definendo un impegnativo, e devo dire innovativo, programma di politica economica nel medio, 2030, e nel lungo, 2050, termine che internalizza l’obiettivo e tutte le politiche di settore. È una grande opportunità ed è anche e soprattutto una grande, grandissima sfida che abbiamo deciso e abbiamo voluto catalizzare rispetto alla community e a tutti coloro i quali desiderano prendere parte a questa importantissima sfida che riguarda tutti noi e il futuro del nostro Paese”.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts