Anna Roscio: “Estensione del super bonus 110% nell’alberghiero per sostenere sia il settore delle costruzioni, sia il turismo”

 

Una testimonianza di positività quella pervenutaci da Anna Roscio (Direttore Esecutivo Direzione Sales e Marketing Imprese Intesa Sanpaolo), nel corso del Think Tank del 15 ottobre scorso promosso da Re Mind Filiera Immobiliare.

Intesa Sanpaolo si conferma istituto solido e dalle offerte diversificate, capace di sostenere risparmiatori privati e aziende. Per i primi la crisi post-Covid può aver rappresentato un’occasione di ulteriori risparmi se è vero che alcune analisi e proiezioni fanno aumentare i livelli del risparmio stesso; per le aziende e piccole e medie imprese risulta fondamentale il sostegno alle attività, maggiore liquidità, credito. In questa direzione si sono concentrate le attività dell’impresa, proprio per andare incontro agli operatori economici e sostenerli, in linea con gli orientamenti governativi:

“In un momento così delicato come quello in cui ci stiamo trovando ancora ad orbitare è emerso un dato positivo, una bella eredità che raccogliamo: la grande collaborazione che c’è stata tra le istituzioni e il sistema bancario nel sostenere l’economia e le piccole e medie imprese del Paese.

Le azioni messe in campo durante il periodo del Covid sono alcune di iniziativa della banca ma molte sono figlie di quelle che sono state le iniziative del Governo con i vari decreti (Decreto Cura Italia e il Decreto Liquidità) e adesso il Decreto Rilancio.

Abbiamo effettuato oltre 270.000 moratorie per le PMI per un importo di debito residuo di oltre 40 miliardi. Abbiamo sostenuto il settore del turismo con quasi 3 miliardi di finanziamenti e una moratoria dedicata; il settore del commercio anche con quasi 3 miliardi di finanziamento, quindi insomma moltissima liquidità che è stata immessa nel settore a favore delle PMI per affrontare questa crisi.

Tra le sfide di oggi sicuramente troviamo il Decreto Rilancio che ha emanato alcune misure di grande importanza, soprattutto quella del super bonus che rappresenta un’ottima strategia per il rilancio del settore.

Siamo partiti il 13 di agosto con tutto il sistema, quando l’agenzia delle entrate ha emanato la regolamentazione. Da allora abbiamo raccolto 9.000 richieste di soggetti che iniziano a presentare i loro progetti tra privati, imprese e condomini, e abbiamo progetti già in corso di valutazione per mezzo miliardo. Questo da il senso della misura, dell’importanza di questa norma che può veramente cambiare il patrimonio immobiliare del nostro Paese e ridare rilancio al settore.

Il direttore esecutivo di Intesa San Paolo ha poi concluso con una proposta:

“Noi riteniamo che potrebbe essere buona cosa estendere la misura del super bonus sugli investimenti come la riqualificazione energetica, che oggi è prevista solo a favore dei privati o dei condomini, anche ad alcuni settori e uno di questi potrebbe essere il settore del turismo. Si parla di rinnovamento del parco degli alberghi, ma in una fase come questa chiedere agli albergatori di investire sugli immobili con l’incertezza che c’è rappresenta uno sforzo troppo grande probabilmente. L’introduzione di misure fiscali che consentano di attuare degli investimenti nella riqualificazione del parco degli immobili dediti agli alberghi, può essere un modo per sostenere sia il settore delle costruzioni sia il settore del turismo: anche in questo caso noi siamo pronti ampiamente a fare la nostra parte”.

Total
72
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts